Salone Alchemico

Il libro si può acquistare qui, al costo complessivo di 13,00 comprensivo di spese, inviando quindi un messaggio  con nome cognome ed indirizzo di spedizione a questo numero: 340 6574542

Contemporaneo

Viviamo nel paradosso temporale ipotizzato da Einstein. Il tempo, oggi, è una linea curva che procede senza interruzioni di sorta, mostrando, come mai in passato, una fase totalmente contemporanea di passato, presente e futuro. L’avvento dei social che ha scoperchiato l’anima unica di un’ umanità varia, variopinta, spesso violenta ed incomprensibile, ci induce a colpi d’occhio fenomenali e disgreganti. La questione femminile, in questo contesto, è la più indicativa e straniante di tutte. Nello stesso arco temporale, ai nostri occhi si presentano donne che percorrono lo spazio – avanguardia di un’umanità che ha sempre cercato l’ “altrove” – e donne rese schiave ed assoggettate in culture ancora primitive. Tutto è contemporaneo, in uno shaker che mischia vorticosamente ogni tipo di razza, lingua, cultura e mistura, rendendo la nostra realtà, se la guardiamo con occhi razionali, irrazionale ed assurda. Le donne ospitate in questo libro sono appunto figlie di questa società liquida, senza alcun punto di riferimento concreto, dissolta, schizzata in livelli multipli. Esse non raccontano storie eclatanti, sono donne vere come tutte noi, offese, umiliate dai vizi – oggi del tutto normali e universalmente diffusi – dei loro compagni. Sono donne la cui sensibilità femminile diventa ostaggio di un matrimonio in cui l’amore è morto da moltissimi anni, sono donne sospese in una vita sintetica, senza sentimenti, senza autenticità, private dei loro onori di madre, o dei loro prestigiosi e dovuti riconoscimenti. Donne che, proprio in virtù della loro anima femminile, si ritrovano in un cerchio di luce – perchè nelle donne è racchiusa l’anima magica dell’universo – a cercare se stesse in un altrove presente in ogni vita e in ogni dimensione, guidate dal quell’icona sciamanica del Don Juan di Castaneda, il quale, con la sua saga, aprì nuove e sconvolgenti visioni spirituali. Il libro percorre varie contemporaneità: quella normale e quotidiana di un salone di Bellezza dove si lavora normalmente, e quella anomala, segreta ed incontaminata del mondo interiore di ciascuno di noi. Perchè solo mettendo al centro la nostra coscienza dolorosa e contaminata, possiamo ritrovare la strada smarrita in sentieri e percorsi del tutto inutili per la nostra evoluzione. Come un piccolo, invisibile, seme, il libro indica una linea virtuosa, un cammino per un’infelicità di coppia senza soluzione di continuità, un’alternativa valida ad una vita inutile e priva di vero amore. Poichè il primo vero amore è per se stessi, e se la nostra dignità non ci viene riconosciuta, non rimane che lasciare le macerie a chi le ha create volontariamente o no. Il vero amore si riconosce dai suoi frutti e dai cambiamenti che produce nella nostra unica ed irripetibile esistenza. Tutto il resto è prigione.